Home Guida Autonoma Numerosi episodi di violenza contro robot e auto a guida autonoma

Numerosi episodi di violenza contro robot e auto a guida autonoma

by Huro
violenza contro i robot

Hai mai tirato un calcio ad un’auto? I californiani sicuramente si: infatti recentemente un gruppo di automobilisti ha preso di mira le auto a guida autonoma in prova nelle strade di San Francisco. Vere e proprie esplosioni di rabbia incontrollata verso questi veicoli ideati per migliorarci la vita.

Auto a guida autonoma picchiate a San Francisco

Un tassista, secondo il The Guardian, è uscito dal suo taxi ed ha schiaffeggiato il finestrino del passeggero di una GM Cruise. Forse pensava che gli rubasse il lavoro? Lo scopo di queste auto non è proprio questo, ma forse una reazione istintiva non viene proprio controllata dal pensiero.

Un altro episodio è accaduto vicino ad un attraversamento pedonale. Si tratta sempre di violenza contro una GM Cruise. Infatti secondo la General Motors un pedone ha cominciato ad urlare contro la macchina. Successivamente ha colpito il lato sinistro del paraurti posteriore, ammaccandolo e danneggiando le luci posteriori dell’auto a guida autonoma.

Altri episodi di violenza contro i robot

Ma questi eventi sembrano essere la normalità dell’ultimo periodo a San Francisco. Infatti poco tempo fa un robot di sicurezza autonomo di Knightscope è stato rovesciato ed aggredito. Era impiegato in un ricovero per animali, ma è stato ritrovato riverso in terra con i sensori soffocati dalla salsa BBQ.

Questo suggerisce una certa rabbia da parte dei cittadini di San Francisco verso i robot. Probabilmente, come abbiamo ipotizzato prima, scatenata dalla paura che rubino posti di lavoro. Il che è comprensibile, in una città così costosa come quella californiana.

Ma speriamo vivamente che il numero di violenza contro i robot non cresca esponenzialmente.
Anche perché sono stati creati con lo scopo di aiutare l’umanità, e non di metterla in difficoltà su un campo economico già messo in ginocchio dalle politiche monetarie mondiali. Non resta che rimanere a vedere cosa succederà!

Consigliati per te

Lascia un Commento