Home Robot La realtà delle stalle robotizzate grazie a sistemi di mungitura automatici

La realtà delle stalle robotizzate grazie a sistemi di mungitura automatici

by Huro
stalle robotizzate

I sistemi di mungitura robotizzati conosciuti a livello internazionale con la sigla AMS (Automatic Milking Systems) sono stati una vera rivoluzione. Questi hanno offerto una soluzione innovativa di grande valore al settore bovino da latte. Ma innovazioni così radicali richiedono trasformazioni nell’organizzazione e la gestione delle stalle sotto ogni punto di vista.
La riprogettazione delle stalle è quindi uno degli argomenti più dibattuti che interessa chiunque operi in questo settore.

Con le mungitrici automatiche la vacca deve entrare volontariamente nella postazione di mungitura. Quindi l’animale deve riconoscere questo posto ed è per questo motivo che la disposizione della stalla va modificata e gli spazi devono essere adattati in maniera tale da consentire ai bovini di orientarsi in maniera facile tra i vari reparti funzionali della stalla (riposo, transito, attesa, alimentazione, autoalimentatori, mungitura, etc.).

Nella progettazione della zona di mungitura delle stalle robotizzate si devono tener presenti alcuni aspetti fondamentali:

  • Riuscire a permettere la massima raccolta di latte;
  • Consentire una raccolta di qualità dal punto di vista igienico-sanitario;
  • Preservare perfettamente la salute dei bovini;
  • Ottimizzare i tempi di lavoro.

In pratica, l’inserimento di un sistema di mungitura automatica in una stalla deve essere studiato attentamente. Inoltre deve tener conto della movimentazione degli animali, il circolo del latte e dei movimenti degli addetti che si occupano delle operazioni di controllo e della gestione dell’impianto.

Modalità di accesso alle stalle robotizzate

Uno degli aspetti più importanti riguardano le modalità di accesso alle stalle robotizzate. Esse possono essere libere, obbligate oppure regolate.

Il “free cow traffic”, ovvero l’accesso libero è decisamente la modalità d’accesso più semplice che consente la libera circolazione degli animali al box di mungitura. Invece l’accesso obbligato prevede il passaggio forzato dei bovini attraverso l’impianto di mungitura prima di raggiungere altre aree.
Infine, l’accesso regolato è un meccanismo più complesso che consente il passaggio solo agli animali pronti per la mungitura, mentre gli altri bovini possono accedere alla zona di riposo o di alimentazione previa identificazione, tramite cancelli selezionatori che vengono posizionati nelle zone comprese fra la zona di riposo e quella di alimentazione, oppure tramite corridoi di “sorpasso” parallelo alla postazione di mungitura.

Sono tante le soluzioni che possono essere adottate. Per questo è importante distribuire correttamente ogni stazione di mungitura, cancello, etc.

Indipendentemente dalla soluzione che si decide di adottare è consigliabile prevedere la possibilità di deviare i bovini in un box di isolamento, attraverso un cancello selezionatore posizionato all’uscita dell’impianto di mungitura. Anche l’ubicazione dell’AMS è importante, infatti va predisposto in modo tale da permettere agli animali di poterlo raggiungere con facilità.

Consigliati per te

Lascia un Commento