Home Robotica, Medicina e Salute I robot per la riabilitazione dei pazienti della fondazione Don Carlo Gnocchi

I robot per la riabilitazione dei pazienti della fondazione Don Carlo Gnocchi

by Huro
robot per la riabilitazione

I robot per la riabilitazione arrivano a Milano alla fondazione Don Carlo Gnocchi. Si tratta di quattro apparecchi veramente avanzati tecnologicamente che hanno la funzione di affiancare i fisiatri e fisioterapisti per permettere un recupero più veloce rispetto a quello tradizionale. Potranno inoltre sostituire alcune mansioni svolte inizialmente dai medici così da aiutarli per ottenere un lavoro più efficiente.

Li troviamo in ben 9 centri italiani di proprietà della fondazione. Qui i pazienti afflitti da patologie neurologiche effettuano terapie robotiche per l’arto superiore e inferiore. I destinatari delle cure terapeutiche sono tutti quelli che sono stati colpiti da ictus, parkinson, patologie del midollo spinale, sclerosi multipla, polineuropatia e problemi di tipo ortopedico.

I robot per la riabilitazione agiscono principalmente su dita, polsi, mani, spalle e gomiti lavorando su ogni singola parte del corpo. Alla riabilitazione robotica, che può anche essere effettuata con la terapia tradizionale, si può accedere attraverso il sistema nazionale sanitario, sia in campo ambulatoriale che di ricovero. Prossimamente i tecnici delle aziende creatrici dei robot avranno la capacità di apportare modifiche specifiche sui vari dispositivi. Al termine della terapia, il software può fornire al paziente i dati dell’operazione effettuata dal robot. Così che si abbia un punto della situazione preciso del lavoro già svolto e di quello ancora da risolvere.

I robot per la riabilitazione presteranno un grande servizio ai loro pazienti

La fondazione Don Gnocchi raccoglie le informazioni grazie alla riabilitazione robotica, che gli vengono fornite da tutta Italia. In seguito le analizza, allo scopo di creare un banca dati al servizio della clinica e della ricerca. Grazie alla terapia si potrà ottenere una misurazione precisa dei miglioramenti dei pazienti e si garantirà un’ottima intensità nel trattamento. A confermarcelo sono la fisiatra Cristina Grosso e la fisioterapista Marta Zocchi.

Consigliati per te

Lascia un Commento