Home Robot Pepper infermiere in Olanda si prende cura dei pazienti

Pepper infermiere in Olanda si prende cura dei pazienti

by Huro
pepper infermiere

Dopo essersi sdraiati su un lettino di ospedale probabilmente penseremmo di avere qualche serio problema se vedessimo un robot avvicinarsi a noi. Eppure è quel che succede in Olanda!

Un robot Pepper è stato utilizzato al Policlinico Franciscus Gasthuis & Vlietland. Il suo compito è avvicinarsi al lettino del paziente e chiedere di indicare su una scala da 1 a 10 quanto dolore sente.

“Ma non sostituiranno mai le infermiere”, dice Marjolein Vogel, responsabile del dipartimento. “Il robot Pepper può effettuare le attività di cura, riducendo il carico di registrazione. In realtà si comporta come una specie di assistente.”

Questo Pepper è stato programmato da TU Delft e si concentra sull’interpretazione dei suoni. Daisy van der Putte, una studentessa di management sanitario, vuole laurearsi in questa materia l’anno prossimo. “Quello che stiamo facendo ora è il test, seguito da una valutazione ed una conclusione finale. Ciò che ci colpisce è che i pazienti generalmente rispondono positivamente a Pepper. Il robot ha anche aspetti umani, dal momento che riesce a muovere la testa e le dita. Di conseguenza, i pazienti hanno meno la sensazione di essere interrogati da un robot.”

Il robot Pepper infermiere non si limita ad accudire i pazienti…

Ma il robot Pepper infermiere fa anche attività a scopo ludico nell’ospedale per intrattenere i pazienti e fargli pesare meno il tempo passato lì. Ad esempio suona il sassofono e può persino riuscire ad imitare un elefante.

Il vantaggio di Pepper è che non si stanca mai e non ha bisogno del caffè. Solo una nuova batteria ogni otto ore. “In futuro Pepper dovrebbe anche essere in grado di fornire informazioni sui farmaci”, afferma Roel Boumans, ricercatore presso TU Delft.

L’infermiera Milou van Biljouw spera in particolare che Pepper parlerà presto lingue diverse. “Questo ci aiuterebbe moltissimo, perché è ancora un grosso problema negli ospedali.”

Consigliati per te

Lascia un Commento