Home Robot Xiva, il nuovo robot magazziniere arriva nei centri Amazon

Xiva, il nuovo robot magazziniere arriva nei centri Amazon

by Huro
Robot magazziniere

La notizia proviene dall’Università di Roma Tor Vergata. Una squadra di giovani studenti ha ideato e programmato un robot magazziniere che avrà il compito di collaborare con i classici automi firmati Amazon. L’intento è quello di migliorare i servizi di consegna dei prodotti acquistati tramite Internet. Si tratta di un robot impiegato a livello aziendale che segue gli automi di questo genere realizzati prima di lui.

Claudia Costanzo, Miriam Di Mario e Giulia Di Prospero avevano avuto l’idea di creare un robot magazziniere visitando un centro Amazon nei pressi di Roma. Arrivate nell’area consegne hanno notato che gli strumenti a disposizione degli addetti non erano abbastanza attrezzati per offrire un servizio chiaro e puntuale ai Clienti. I movimenti degli operatori erano complicati, infatti le ragazze hanno pensato di aggiungere un piccolo carrello in modo da velocizzare il processo. Il robot magazziniere, quindi, si rivela uno strumento molto utile a sostegno del reparto vendite e consegne.

Un robot magazziniere ideato da giovani studenti

Si chiama Xiva il robot magazziniere vincitore del premio Amazon Innovation Award 2018, giunto alla sua terza edizione. Al concorso hanno partecipato oltre quattrocento ragazzi volenterosi di avvicinarsi al mondo dell’innovazione tecnologica e alla solida realtà che Amazon ha costruito negli anni. La squadra ideatrice del robot magazziniere ha superato i colleghi del politecnico di Torino e Milano. Ad aspettarli ci sarà una grande avventura negli Stati Uniti. Nel mese di Aprile, infatti, voleranno a Seattle per visitare la sede centrale del gruppo Amazon.

Quest’anno l’obiettivo consiste nell’allargare la cerchia dei partecipanti al premio Amazon Innovation Award. A parlare è stato anche Max Schiraldi, insegnante di Operations Management all’interno dell’Università Tor Vergata. Come lui stesso ha ribadito, si apriranno le porte anche agli studenti iscritti all’ultimo anno dei corsi di laurea triennali e a quelli che stanno affrontando un dottorato di ricerca. Il robot magazziniere rappresenta uno dei tanti progetti in archivio e un traguardo per l’Italia, Paese spesso sottovalutato in campo tecnico e scientifico.

Probabilmente siamo ancora molto lontani dai livelli raggiunti negli Stati Uniti o in Giappone, ma giorno dopo giorno i ricercatori lavorano per scalare le classifiche e battere piccoli traguardi fino ad ora irraggiungibili. La presenza di un target giovanile pronto a mettere in gioco le proprie competenze fa ben sperare a un futuro ricco di innovazioni di alto livello.

Consigliati per te

Lascia un Commento