Home Robot Robot impollinatori per ridurre il consumo dei pesticidi

Robot impollinatori per ridurre il consumo dei pesticidi

by Huro
robot impollinatori

L’uso eccessivo di pesticidi minaccia l’ambiente che ci circonda già da molti anni. Visto che il problema invece di essere arginato negli ultimi anni è peggiorato, i tecnici hanno studiato soluzioni alternative per frenare questo fenomeno in continua crescita.

Le soluzioni più rilevanti arrivano dal campo della robotica, settore che ha ideato dei piccoli robot impollinatori che aiutano e sostituiscono le api. Ma non solo: da qui arrivano anche dei dispositivi tecnologici in grado di usare i pesticidi in modo mirato, evitando così dispersioni di sostanze dannose.

 

Anche se spesso l’utilizzo di pesticidi risulta necessario per garantire la produzione di cereali, frutta ed altri prodotti simili, l’uso che si fa di queste sostanze la maggior parte delle volte risulta essere esagerato. Ciò crea problemi sia agli umani che agli animali, specialmente alle api, insetti in netta diminuzione già da molti anni.

Le api oltre alla produzione di miele hanno un ruolo fondamentale in natura. L’impollinazione che svolgono questi insetti è fondamentale ed il numero decrescente di questi piccoli animaletti creano grossi problemi all’agricoltura.

Per cercare di frenare questo fenomeno L’Istituto Nazionale di Scienze e Tecnologie Industriali Avanzate di Tsukuba in Giappone sta sviluppando dei robot impollinatori progettati per sostituire le api e le farfalle. Soluzione che a Greenpeace non piace affatto. Infatti ha dato il via ad una raccolta firme per bloccare questo progetto.

Anche se rimpiazzare del tutto gli insetti impollinatori è impossibile e forse non risolverà il problema creato dai pesticidi, c’è da dire che il contributo della robotica in questo campo quanto meno arginerà parzialmente questo fenomeno disastroso che sta creando una reazione in grado di colpire tutta la catena alimentare.

Da un altro lato si sta lavorando anche per cercare di creare pesticidi più efficaci e meno dannosi. Ma per ora pare che i vari prodotti messi in commercio non siano in grado di soddisfare i bisogni degli agricoltori. Quindi si spera di avere risultati migliori grazie all’uso dell’intelligenza artificiale.

Robot impollinatori e cecchini per la distribuzione dei pesticidi

Un’altra soluzione per rallentare o eliminare questo fenomeno creato principalmente dall’uso intensivo di pesticidi potrebbe arrivare dal progetto sviluppato dal Professor Simon Blackmore, capo della divisione di agricoltura robotica della Harper Adams University.

In questo caso parliamo dello sviluppo di piccole macchine in grado di operare come dei “cecchini” nella distribuzione dei pesticidi. L’intento è di utilizzare questi piccoli robot per diminuire la quantità di prodotto nei campi. Questi infatti sono stati progettati per usare una minima parte di pesticidi, utilizzandoli solo sulle piante da eradicare. Evitano così di inquinare anche la vegetazione ed i terreni circostanti.

Le innovazioni robotiche in questo settore hanno un ruolo fondamentale per la salute di tutti. La precisione delle macchine dotate di intelligenza artificiale come negli altri campi anche in questo dell’agricoltura svolge un ruolo importante.
Preservare i terreni e le piante vuol dire proteggere non solo le api, ma tutta la fauna, la vegetazione e la salute degli umani. Anche perché sulle nostre tavole quotidianamente sono presenti vari prodotti che vengono contaminati dai pesticidi utilizzati in maniera spropositata.

Consigliati per te

Lascia un Commento