Home Robotica, Medicina e Salute Il robot che opera ginocchio e anca in maniera perfetta

Il robot che opera ginocchio e anca in maniera perfetta

by Huro
robot che opera

Il Robot che opera, consente di svolgere interventi in maniera molto precisa in pazienti con problemi di artrosi e può assicurare la massima funzionalità.

All’INI, l’Istituto Neurotraumatologico Italiano a Grottaferrata nei pressi di Roma, sono stati eseguiti i primi interventi di protesi totale al ginocchio e d’anca. Per la prima volta viene applicata una tecnologia innovativa del centro sud Italia. Questa realizza interventi che mettono insieme le capacità medico-chirurgiche e quelle bio-ingegneristiche.

Il robot che opera è composto da un braccio robotico. Questo tipo di approccio si è molto evoluto in termini di precisione nelle persone che soffrono di artrosi e tale tecnologia arriva in una struttura che è sempre pronta ad acquisire nuove competenze. Il professor Francesco Bove dell’Unità Ortopedica Ini ha provato il robot in un’operazione con il braccio robotico.

Conosci tutti i robot che si usano in campo medico?

Il robot che opera assisterà i chirurghi

Al professore il robot che opera è servito molto. Grazie al braccio robotico, munito all’estremità di una lama per tagliare l’osso o la fresa è riuscito ad avere un posizionamento della protesi d’anca e ginocchio più preciso rispetto al metodo umano. Ciò gli ha permesso di guadagnare più punti rispetto alla chirurgia tradizionale. Inoltre ci viene spiegato da  Francesco Bove che prima di poter utilizzare il braccio robotico ha dovuto conseguire una speciale abilitazione a Lussemburgo.

Il robot che opera ci permette di avere in una prima fase un’elaborazione della Tac del paziente, una breve simulazione sui tagli ossei da eseguire e i punti di applicazione della protesi. Sul corpo del paziente inoltre vengono posizionati dei rilevatori che ci permettono di avere informazioni spaziali sulla posizione del robot.
Il chirurgo dovrà con l’aiuto del braccio robotico fresare le cavità dove andrà poi inserita la protesi. Il robot in seguito con i ricettori del femore consentirà di applicare lo stelo femorale che garantirà la massima funzionalità.

Il robot che opera non sostituirà il chirurgo, ma molto semplicemente lo assisterà. Inoltre il braccio robotico sta avendo molto successo nel mondo. Infatti sono stati effettuati migliaia di interventi secondo i dati delle aziende che producono i robot.

Consigliati per te

Lascia un Commento