Home Robot Robot ambidestri: il lavoro si velocizza e perfeziona

Robot ambidestri: il lavoro si velocizza e perfeziona

by Huro
Robot ambidestri

Sarebbe bello potere lavorare allo stesso modo con entrambe le mani. Scrivere, spostare oggetti, cucinare. La nostra vita risulterebbe molto più semplice in determinate situazioni. A questo proposito sono stati creati dei veri e propri robot ambidestri. Un traguardo particolarmente importane per le aziende che ne fanno uso quotidiano. Grazie a questa nuova caratteristica la velocità del lavoro aumenta, diventando anche più efficiente. Gli studi in ambito tecnologico non tendono ad arrestarsi. Al contrario, viaggiano molto più rapidamente di prima.

Le aziende specializzate nell’ E-commerce hanno incitato più volte il progetto. Senza nessun addestramento, infatti, i robot ambidestri riescono a sollevare oggetti con entrambi i bracci meccanici. All’esterno potrebbe sembrare un dettaglio superfluo. Chi lavora nel settore, invece, sa quanto un’invenzione simile possa essere utile. A lanciare l’idea è stato il gruppo di
 Jeffrey Mahler, appartenente all’università della California di Berkeley. Grazie al risultato ottenuto si potrebbe mettere il turbo al commercio elettronico.

Ecco come i robot ambidestri aiutano le aziende di e-commerce

Una pinza unica non riesce ad afferrare tutti gli oggetti. Ecco perché la presenza di robot ambidestri ha contribuito a un’evoluzione tecnologica non indifferente. All’interno di numerosi centri per l’ e-commerce molti sistemi robotici usano ancora pinze con ventose che non sono così efficienti. Al contrario l’approccio studiato dal gruppo californiano si basa sul meccanismo della ricompensa e funziona con precisione. Vi state chiedendo come agiscono nel dettaglio questi robot ambidestri? Continuate a leggere e lo scoprirete.

Immaginate due bracci robotici. Uno con una pinza a ventosa e l’altro con una pinza a punte parallele. Grazie a tali perfezionamenti i robot ambidestri sono riusciti ad afferrare giocattoli, bottiglie e qualsiasi altro tipo di oggetto. Inoltre c’è anche una novità in più. Non solo gli automi riescono a sollevare utensili con entrambi i bracci meccanici, ma possono anche prelevarli da un cumulo di venticinque oggetti. Tutto ciò è possibile grazie a un programma specifico dal nome Dex-Net 4.0 implementato sui robot ambidestri. L’automa deve programmare e selezionare la presa migliore. Quando porta a termine l’azione correttamente viene ricompensato. Gli studi hanno dimostrato che il sistema funziona almeno al 95%. Le aziende che si servono dell’aiuto dei robot sono davvero tantissime. Anche per questo, infatti, l’invenzione di cui sopra si rivelerà molto utile.

Lascia un Commento