Home Robot Pillo, il robot medico della startup genovese Pillo-Health

Pillo, il robot medico della startup genovese Pillo-Health

by Huro
pillo robot

Pillo è un robot che si occupa della nostra salute, creato dalla startup genovese Pillo-Healt.
La salute nella vita di tutti i giorni è molto importante e va sempre monitorata. Le persone al giorno d’oggi sono molto distratte ed è facile che si dimentichino le cose. Quindi magari all’uomo servirebbe un piccolo aiuto per ricordarsi di prendere per esempio il farmaco prescritto dal medico o come organizzare un pranzo salutare.

Per fortuna arriva Pillo, che ci da una mano a ricordarci i farmaci prescritti dal medico e ci aiuta ad organizzare la nostra alimentazione salutare.
Questo robot è adatto a tutta la famiglia perché ha un sistema a riconoscimento vocale con cui potrà risponderci appena gli porremo una domanda. Grazie ad esso potrà connettersi a dispositivi esterni, come ad esempio gli smartwatch. Questi gli permetteranno di tenere sotto controllo la nostra condizione fisica e addirittura avere un contatto visivo con il medico di base.

Il volto di questo robot è un display, di cui fa parte un sistema di riconoscimento facciale che permette al robot di capire chi è la persona che in quel momento è davanti a lui. Per quanto riguarda i farmaci, Pillo ha un piccolo scompartimento nella propria testa dove sono conservati.

Pillo ti aiuterà con i farmaci

Pillo nella sua campagna di crowdfunding ha avuto molto successo. Il robot è stato venduto in 130 mila pezzi solo in un mese e oltre 7 milioni di dollari di finanziamenti raccolti da investitori stranieri, tra cui Black&Decker.

Emanuele Musini, CEO di Pillo-Health dice che solo negli Stati Uniti ci sono 125 mila morti in un anno a causa dei medicinali non presi o addirittura assunti in maniera scorretta. Ecco perché ha creato il robot Pillo, che potrà essere costantemente a casa con i propri pazienti evitando il traffico negli ospedali.

Per ora il mercato che acquista il robot è principalmente quello Americano, anche se Corea e Giappone hanno mostrato un notevole interesse. Per quanto riguarda l’Italia il lancio del robot è previsto nel giro di due anni, che sarà sviluppato nella sede del Cornigliano vicino a Genova.

Consigliati per te

Lascia un Commento