Home Guida Autonoma Parcheggio autonomo: tra i primi a sperimentarlo c’è anche la Volkswagen

Parcheggio autonomo: tra i primi a sperimentarlo c’è anche la Volkswagen

by Huro
parcheggio autonomo

Non solo auto elettriche o a guida autonoma. Tra le novità più interessanti che arrivano dal settore automobilistico c’è anche il sistema di parcheggio autonomo.
Il gruppo Volkswagen sta già facendo dei test e prevede di lanciare il suo sistema di parcheggio autonomo entro pochi anni.  Questa tecnologia permetterà ai proprietari di determinati modelli di automobili di parcheggiare le vetture negli autosilo utilizzando un’app sul telefonino prima di allontanarsi dal volante.
Il sistema dovrà essere attivato quando si raggiunge una certa area ed una volta eseguita questa operazione sarà l’automobile ad avanzare verso lo stallo ed infilarsi al suo interno.
Per parcheggiarsi autonomamente, l’auto sfrutterà il radar, sistemi ad ultrasuoni e telecamere, componenti attualmente utilizzati in alcuni sistemi di assistenza alla guida.

I test del gruppo tedesco si stanno svolgendo ad Amburgo, precisamente nei parcheggi dell’aeroporto della città, dove le vetture Volkswagen, ma anche Porsche ed Audi si muovono autonomamente verso lo stallo libero, grazie all’ausilio di una mappa della struttura ed ai marcatori visivi installati all’interno delle automobili che servono per orientarsi in maniera più precisa.

La precisione richiesta ad un sistema di parcheggio autonomo

Il sistema di parcheggio autonomo è abbastanza complesso ed ambizioso, perché ovviamente dovrà essere calibrato alla perfezione per evitare che la macchina manchi il parcheggio oppure colpisca altre auto parcheggiate. Infatti i tecnici stanno procedendo per gradi, consapevoli che ci vorrà ancora del tempo prima di lanciare questi modelli. 2-4 anni secondo il gruppo tedesco.

I test citati sopra, che si svolgono nell’Aeroporto di Amburgo fanno parte della prima fase. In seguito le prove avverranno in altri parcheggi e qui le auto dovranno capire dove e quali sono gli stalli liberi e quindi parcheggiarsi autonomamente.
La tecnologia utilizzata dalla Volkswagen e dalle altre case automobilistiche attualmente non è nota. E a quanto pare la Volkswagen non ha intenzione di rivelare nulla di più prima del 2020.

Anche se ci vorrà ancora qualche anno prima di vedere questi modelli all’opera, lo sviluppo di queste tecnologie segna un grande traguardo che si sta raggiungendo in questo settore. Un’iniziativa innovativa che grazie ai sistemi robotizzati avanzati sarà in grado di far risparmiare tempo alle persone ed aiutarle nelle varie manovre.

Consigliati per te

Lascia un Commento