Home Robotica, Arte e Cultura Musica automata, l’album del fiorentino Leonardo Barbadoro

Musica automata, l’album del fiorentino Leonardo Barbadoro

by Huro
musica automata

Musica automata è il nuovo incredibile album dell’artista Leonardo Barbadoro nato a Firenze nel 1987. Esso comincia come chitarrista in gruppi di genere post-rock ed in seguito inizia a comporre i suoi primi pezzi elettrici ed elettroacustici prendendo il nome di Koolmorf Widesenper. Nel 2017 esce per la prima volta il suo CD ufficiale per l’etichetta romana che riscuote molto successo.

L’ultimo album contiene musica fatta da robot, che corrisponde ad oltre 50 strumenti acustici come il pianoforte, gli organi, gli strumenti a fiato, le percussioni etc. La loro funzione si basa sul ricevimento di messaggi digitali MIDI che contengono informazioni ben precise per arrivare ad ottenere un’ottima esecuzione musicale. La creazione di musica automata ci permetterà di vivere una vera e propria esperienza multisensoriale. Qui lo spettatore riuscirà a sentire e a vedere la provenienza dei suoni. Si potrà inoltre trovare il preciso collegamento tra il movimento dello strumento ed il suono percepito.

Musica automata ci fa scoprire un nuovo modo per fare musica

Questa esecuzione autonoma è composta da estrema precisione. Per questo motivo riesce a superare notevolmente la musica tradizionale, introducendo diversi fattori espressivi mai sperimentati. Abbiamo un controllo digitale davvero accurato, poiché il suono acustico dovrà essere autentico quando gli strumenti suoneranno in uno spazio reale. La musica rende l’impatto emotivo dell’opera vivo grazie alla versatilità dei robot. Questi d’altronde riescono perfettamente ad eseguire una vera e propria riproduzione musicale che supera di gran lunga le capacità umane.

L’esecuzione finale pur essendo sviluppata da robot è comunque frutto della mente umana. La cosa che la differenzia però è il fatto che non si ha il contatto umano e diretto con lo strumento. Questo fa in modo che una volta avuta l’idea musicale, venga in seguito elaborata e tradotta in linguaggio MIDI, ed infine eseguita dai robot senza perdere il valore artistico.

Consigliati per te

Lascia un Commento