Home Curiosità robotiche Humandroid: Chappie, il robot protagonista, prova dei sentimenti

Humandroid: Chappie, il robot protagonista, prova dei sentimenti

by Huro
humandroid

Dopo aver già realizzato film in cui cyborg ed androidi erano protagonisti, Neill Blomkamp torna sugli schermi con “Humandroid”, pellicola in cui un androide è capace di provare dei sentimenti.
Humandroid” (Chappie nella versione originale) è ispirato al cortometraggio “Tetra Vaal” del 2004, scritto e diretto sempre da Neill Blomkamp.

Il film è ambientato a qualche anno di distanza da quella che è la nostra attualità. Un periodo in cui il mondo è controllato da droidi poliziotti chiamati Scouts, robot con i quali si può ragionare, ma che non possono essere comandati.
Chappie è uno di loro. Fino a quando non viene rubato e riprogrammato, trasformandosi in seguito nel primo robot in grado di pensare autonomamente. La sua esistenza viene minacciata da alcune forze potenti che nel momento in cui iniziano a vedere Chappie come un pericolo sia per l’ordine che per l’umanità fanno di tutto per eliminare il droide e assicurarsi che lui sia l’ultimo robot della sua specie.

Come ha dichiarato lo stesso Neill, Humandroid non è il solito film fantastico fine a se stesso. Questo è un mix tra un film drammatico, di fantascienza, azione e a tratti comico, che affronta diverse tematiche. Tra cui quella che riguarda l’intelligenza umana e artificiale, sentimenti e altri aspetti che messi insieme hanno dato vita a questo film. Tra i protagonisti, oltre a Sharlto Copley che interpreta Chappie c’è pure Hugh Jackman e Sigourney River, entrambi nei panni dei “cattivi”.

Conosci davvero tutti i film con robot?

Humandroid, uno dei più grandi film sui robot

Il film Humandroid è uno spunto per riflettere sulle potenzialità dell’intelligenza artificiale ed i numerosi effetti speciali presenti nella pellicola, che sono un’unione tra effetti di natura meccanica e digitale che rendono ogni scena alquanto realistica. Questi provocano nello spettatore una riflessione spontanea sul fatto dell’esistenza o meno di un confine tra l’intelligenza umana e quella artificiale.

Inoltre ci si rende conto dei passi avanti fatti dalla robotica che oggi è presente in ogni casa in varie forme. Questa ci fa riflettere sul fatto che tali film potrebbero essere frutto della fantasia degli autori. Oppure stanno svelando il prossimo futuro, come è già accaduto negli anni passati.

Consigliati per te

Lascia un Commento