Home Guida Autonoma Guida autonoma e mal d’auto: la soluzione di una startup americana

Guida autonoma e mal d’auto: la soluzione di una startup americana

by Huro
guida autonoma e mal d'auto

Il mal d’auto, chiamato anche “cinetosi” oppure “chinetosi” è un disturbo molto comune che colpisce tantissime persone. Viene causato dal fatto che le orecchie rilevano segnali di movimento mentre gli occhi no. Questo manda il cervello in tilt, provocando nella persona che ne soffre vari effetti, tra cui il vomito.

In sostanza è un disturbo che riguarda i passeggeri di un’auto, aereo oppure di un treno, quando non hanno la possibilità di guardare avanti e avere la piena visuale sul percorso che si sta seguendo. Per svariati motivi non sempre è possibile, quindi è chiaro che c’è bisogno di una soluzione diversa a questo problema.

Guida autonoma e mal d’auto, come risolvere?

Considerando che in futuro la guida autonoma sarà sempre più utilizzata in tutto il mondo, questo disturbo è destinato a dilagare ulteriormente visto che i passeggeri guarderanno altrove e non alla strada.

Per impedire che questo fenomeno dilaghi, una soluzione sta arrivando da una startup del Massachusetts. La CleanMotion, che ha ideato un device elettroidraulico che va montato sui 4 ammortizzatori. Questo dispositivo ha la funzione di compensare le forze che vengono generate dal moto dell’automobile e trasferite nell’abitacolo delle ruote.

Come funziona la soluzione alla guida autonoma e mal d’auto?

Inoltre, questo device potrebbe essere utilizzato anche sulle macchine che non sono autonome. Ma la domanda è: funziona? Pare di sì. Ad affermare questo sono due autori del MIT Technology Review che hanno provato questa tecnologia innovativa a bordo di una BMW 535xi, attraverso un percorso di test che era pieno di ostacoli e dossi creati artificialmente.

Sembra infatti che questi dispositivi siano in grado di tagliare sia le piccole che le grandi vibrazioni, a bassa ed alta frequenza, anche se dovrebbero essere migliorati. Quindi non resta che attendere che questa tecnologia sia pronta per quando le auto a guida autonoma circoleranno liberamente sulle strade di tutto il mondo.

Consigliati per te

Lascia un Commento