Home Aziende e Brand Francesca Cerruti è ormai vice direttrice dell’azienda leader Ab Medica

Francesca Cerruti è ormai vice direttrice dell’azienda leader Ab Medica

by Huro
Francesca Cerruti

A soli trentaquattro anni è diventata vice direttrice della società italiana Ab Medica. Si chiama Francesca Cerruti e fa parte di una realtà in cui a essere protagoniste sono le donne. Tecnologie medicali all’avanguardia e sistemi di chirurgia robotica mininvasiva. L’azienda in cui Francesca Cerruti ricopre un ruolo fondamentale realizza tutto questo e molto altro. Giovane imprenditrice, ha viaggiato in tutto il mondo per poi fermarsi e portare avanti un progetto a lungo termine. Ab Medica è leader in italia dello sviluppo tecnologico in ambito sanitario e ciò mostra un traguardo per il nostro Paese.

Specializzati nella chirurgia robotica ortopedica e spinale, gli esperti di Ab Medica non si fermano. La ricerca scientifica continua e Francesca Cerruti vuole contribuire al progetto anche attraverso il suo lavoro. In modo particolare il suo obiettivo è quello di puntare sulla così detta telemedicina. Gestire il paziente a domicilio partendo dall’ospedale, questo lo scopo della giovane vice direttrice. Il periodo successivo al post intervento può risultare molto delicato, ecco perché servono sempre tecnologie di nuova generazione che possano aiutare la riabilitazione. Francesca Cerruti vuole portare avanti il progetto iniziato dal padre anni fa, strumenti di telemedicina basati sul modello israeliano.

Un futuro pieno di iniziative quello di Francesca Cerruti

Ma gli obiettivi della giovane donna sono molto più ambiziosi. Francesca Cerruti, infatti, ha intenzione di estendere la fama e il lavoro di Ab Medica anche al di fuori dell’Italia. In campo europeo l’azienda di cui è vice direttrice potrebbe risultare molto importante in campo tecnologico. Inoltre così facendo donerebbe prestigio non solo al nome della società, ma anche al Paese. Sembra quindi che Francesca Cerruti stia preparando un viaggio oltreoceano per Ab Medica. Se tutto andrà bene, infatti, le innovative tecnologie realizzate dal centro di ricerca arriveranno anche negli Stati Uniti.

Nel tempo è nata anche una società di leasing, la Ab Renting. Finanziando originali sistemi robotici, gli ospedali non saranno costretti ad acquistare il bene, ma potranno noleggiarlo in base alle necessità. Alcuni interventi, infatti, richiedono strumenti all’avanguardia che molte strutture non possono permettersi di comprare. La giovane vice direttrice vuole navigare sempre di più anche verso questo obiettivo. Infine una volta all’anno l’azienda apre le porte a famiglie e bambini. Il progetto si chiama Ab Saturday e offre un’informazione continua all’interno di un campo sconosciuto ai più.

Lascia un Commento