Home Robot Tutti gli esoscheletri robot per i pazienti con difficoltà motorie

Tutti gli esoscheletri robot per i pazienti con difficoltà motorie

by Huro
esoscheletri robot

Rispetto a tanti anni fa, oggi i pazienti che hanno grandi difficoltà motorie provocati da incidenti o altre cause possono contare su tantissimi strumenti tecnologici in grado di aiutarli a riacquistare le abilità motorie almeno parzialmente.

Esoscheletri robot per riacquistare le capacità motorie

Tra le aziende più attive in questo settore c’è la Toyota che, dopo vari studi e test ha ideato l’esoscheletro Wellwalk WW-1000, un esoscheletro robot pensato per i pazienti che hanno paralisi agli arti inferiori.
Nato dalla collaborazione tra Toyota e Fujita Health University, l’esoscheletro innovativo viene disposto attorno alla gamba del paziente. Indossandolo potrà deambulare su un tapis roulant ed eseguire gli esercizi necessari in presenza di un medico.

L’esoscheletro Rewalk invece è sviluppato dall’azienda Argo Techologies. Questo macchinario robotizzato viene adattato specificatamente alle necessità del paziente che deve indossarlo. Inoltre è pensato per determinate categorie di persone che hanno difficoltà motorie ben precise.
Le versioni offerte dall’azienda sono due: Rewalk 2.0 e Rewalk Personal 6.0. Il primo viene utilizzato nelle strutture ospedaliere con l’ausilio di un medico, mentre la seconda versione è pensata per essere utilizzata anche autonomamente.

C’è anche Hal tra gli esoscheletri più quotati ed è considerato il primo cyborg al mondo.
Realizzato dalla Cyberdyne Inc., Hal è un esoscheletro indossabile ispirato ai racconti di Isaac Asimov ed è una fusione tra l’essere umano, robot e sistemi informativi.
Hal, grazie al rilevamento dei segnali del sistema nervoso del paziente che lo indossa è in grado di riattivare la comunicazione tra testa e corpo. Così migliora la funzionalità fisica danneggiata, ridando la speranza alle persone che hanno subito gravi traumi motori.

Altri esoscheletri robot disponibili anche in Italia

Anche la Rex Bionics è attiva da anni in questo settore e tra i dispositivi dedicati a questo genere di pazienti creati dall’azienda c’è Rex, che è molto più di un esoscheletro.
Pensato per pazienti che hanno patologie motorie anche gravi, Rex è un esoscheletro che si indossa e si utilizza senza mani. Gli arti inferiori rimangono libere grazie all’autonomia che Rex ha per spostarsi. La persona che lo indossa sarà aiutata dall’imbracatura e dalle cinghie addominali di cui è dotato. Inoltre Rex alla base ha dei piatti larghi che offrono maggiore stabilità al paziente.

A realizzare esoscheletri robot non potevano mancare gli italiani. A tenere alto il profilo nazionale in questo settore c’è anche il MES, la società con sede a Roma. Si tratta di uno dei maggiori fornitori delle Aziende Governative Nazionali, Estere e della Nato.
Il gruppo italiano tra i vari prodotti tecnologici ideati ha realizzato anche Phoenix, un esoscheletro che consente alle persone con deficit motori di deambulare e quindi di migliorare la propria vita.

Queste sono solo alcune delle aziende che producono esoscheletri robot adatti per i pazienti con difficoltà motoria. Inoltre ogni giorno questo genere di dispositivi tecnologici aumentano grazie alle numerose ricerche che vengono effettuate in questo campo ed all’impegno delle aziende innovative che operano nel settore.

Consigliati per te

Lascia un Commento