Home Robotica, Arte e Cultura ColorPiano Synesthesia: quando arte e tecnologia si incontrano

ColorPiano Synesthesia: quando arte e tecnologia si incontrano

by Huro
colorpiano synesthesia

I famosi mattoncini della casa danese LEGO sono noti per la loro semplicità. Ma questi piccoli pezzi colorati oltre ad essere adatti per la creazione di giocattoli si prestano anche per costruire dei veri e propri robot. Ed è proprio usando questi mattoncini abbinandoli alla tecnologia è nato ColorPiano Synesthesia.

Sinestesia: cos’è?

La sinestesia è la sensazione che si percepisce quando si ascolta un suono in relazione ad un determinato colore. In pratica si tratta di una fusione tra due eventi sensoriali distinti.
ColorPiano Synesthesia sfrutta proprio questo meccanismo ed è un’installazione interattiva che associa una scala di note ad uno spettro di colori.

Come funziona

ColorPiano genera emozioni, è un’esperienza magica che offre un divertimento completamente naturale.
L’interazione è semplice: basta muovere degli oggetti colorati di fronte alla camera oppure è sufficiente indossare abiti colorati ed il piano inizia a suonare.
Il ritmo dipende dalla distanza che si ha dalla webcam, quindi la nota o il set di note prenderanno un ritmo più veloce o più lento in base alla distanza che c’è tra i colori e la webcam, permettendo così all’utilizzatore di dare libero sfogo alla fantasia.

Quando è nata l’idea

La prima versione di ColorPiano è stata creata in occasione di #Absurd, nota mostra sull’assurdità umana organizzata da Umano Colectivo a Barcellona, in Spagna.
Alla mostra il progetto è nato come un pianoforte assurdo che suonava da solo. Questo provava ad interpretare la realtà che lo circondava, ma allo stesso tempo era anche una personale esplorazione delle potenzialità del web connesso al mondo fisico.
ColorPiano Synesthesia presenta delle dita robotiche che si agganciano perfettamente al pianoforte, costruite interamente con i LEGO. Per sicurezza sono state bloccate in posizione grazie ai fili, ma possono essere spostate facilmente. Le ruote servono per fare da contrappeso per resettare il movimento, mentre un array di 7 motori consente di suonare la scala completa ad intervalli regolari sulla lunghezza della tastiera.

Grazie alla flessibilità dei mattoncini LEGO, ColorPiano è stato adattato a vari tipi di pianoforte, proponendo anche la versione portatile per essere presentata al Barcellona Maker Fair.
In questa occasione sono stati aggiunti anche dei mattoncini colorati per rendere l’idea della relazione tra colori e note.

Dettagli tecnici di programmazione

Il tracking dei colori avviene attraverso l’utilizzo di Tracking.js, una libreria potente Javascript per l’uso della camera attraverso le potenzialità di HTML5. La UI è stata disegnata e animata con Tumult Hype, mentre il resto del software è stato scritto in Javascript.

Nel caso di MIDI, la versione portatile di ColorPiano Synesthesia, la meccanica è più semplice e facilmente costruibile. Il sistema utilizza sempre 7 motori LEGO e 2 SBrick per essere controllati da remoto, dal pc.
ColorPiano è un altro modo ingegnoso per utilizzare i LEGO, dando vita ad una magia che avviene in tempo reale e che consente di cimentarsi nella robotica divertendosi.

Altri usi dei LEGO per la robotica? Leggi la notizia su Holiday Plott3r per disegnare cartoline di Natale, e non perderti l’articolo su come usare i LEGO per insegnare il coding ai bambini!

Consigliati per te

Lascia un Commento