Home Robot Coding nella scuola primaria: cos’è e perché si insegna ai bambini?

Coding nella scuola primaria: cos’è e perché si insegna ai bambini?

by Huro
coding nella scuola primaria

La stesura di un programma, ovvero una sequenza di istruzioni eseguite da un calcolatore, nel linguaggio informatico viene chiamato coding. Anche se questo concetto è connesso in maniera stretta a quello di “pensiero computazionale”, approccio inedito ai problemi ed alla loro risoluzione.
L’importanza di questa disciplina è ormai nota in ogni angolo del mondo. Anche in Italia il coding viene inserito sempre di più tra le materie scolastiche. È lo stesso Ministero dell’istruzione che ha sottolineato svariate volte l’importanza del coding nella scuola primaria, incoraggiando in maniera chiara la diffusione in tutto il territorio nazionale.

Il PNSD (Piano Nazionale della Scuola Digitale) riguarda l’istituzione degli animatori digitali. Serve per accelerare la diffusione del coding negli istituti scolastici e formare gli insegnanti in padroni dei nuovi linguaggi utili ai fini didattici.
In sostanza, grazie al coding, gli studenti non imparano solo a programmare, ma programmano per apprendere. Questo grazie al fatto che attraverso il coding sviluppano il pensiero computazionale e l’attitudine a risolvere problemi di media complessità. Lo scopo quindi è quello di rendere gli studenti in grado di produrre piccoli programmi che possono essere piccole sequenze, videogiochi, etc.

Come funziona il coding nella scuola primaria?

La particolarità del coding nella scuola primaria è rappresentata dal fatto che viene introdotto in maniera divertente. I piccoli alunni imparano a programmare giocando, utilizzando un pc, un tablet, piccoli robot dalla struttura semplice e progressivamente sviluppano l’abilità che consentono loro di animare piccoli oggetti, etc.

Attualmente, nelle scuole primarie per il coding si usa principalmente Scratch o Scratch Jr. Si tratta di un ambiente di programmazione gratuito che ha un linguaggio di programmazione di tipo grafico.
Questo linguaggio è ispirato alla teoria costruzionista dell’apprendimento e progettato per l’insegnamento della programmazione attraverso primitive visive. Adatto per realizzare simulazioni, animazioni, arte interattiva, musica, giochi semplici e per visualizzare esperimenti vari, questo linguaggio è adatto a insegnanti, studenti, genitori. Può essere utilizzato per progetti pedagogici e di intrattenimento.

Allo stesso scopo vengono utilizzati anche gli esercizi del sito code.org. Qui si possono trovare giochi a tutti gli effetti e dove i piccoli giocano e attraverso la vincita delle sfide in pratica i bambini risolvono problemi.
In sostanza, attraverso l’inserimento del coding nella scuola primaria i bambini imparano le basi della programmazione in maniera divertente sin dalla più tenera età, avvicinandosi così alla robotica e sviluppando varie capacità intellettive.

Consigliati per te

Lascia un Commento