Home Università ed Istituzioni Caffè nelle scarpe dei robot

Caffè nelle scarpe dei robot

by Huro
Caffè nelle scarpe dei robot

Anche i robot ottengono benefici e migliori prestazioni grazie al caffè!
La notizia di oggi potrebbe fare sorridere gli amanti dei classici cafferini e caffettini. Quasi come se si stesse per prospettare loro la possibilità di poter fare pausa caffè sul lavoro conversando con il proprio robot collega. Stessa prospettiva che potrebbe in effetti allarmare e suscitare polemiche in altrettante persone 🙂 Ma non temete! Non si tratta di questo.

Nonostante la veridicità dell’informazione che vede il caffè protagonista di un aumento delle prestazioni dei robot, il suo impiego è ben lungi dal nostro piacere quotidiano che ci ricarica grazie alla caffeina e alle chiacchiere con gli amici al bar.
Infatti, grazie all’idea degli ingegneri della UC San Diego Jacobs University, i robot potranno sfruttare i fondi di caffè per muoversi su terreni irregolari ottenendo un 40% di velocità e prestazioni in più.

L’idea originale si basa sul fatto che i “piedi” robotici necessitano di un materiale che si possa adattare alle asperità del terreno, copiandone le irregolarità e permettendo al resto del “corpo” di trovare la propria stabilità. I fondi di caffè sono stati individuati come materiale idoneo a tale scopo grazie alla loro granulosità e consistenza. Un po’ come la sabbia o granuli che riempiono le più comuni palline anti-stress. I fondi di caffè riempiono delle sacche poste alla base dei piedi dei robot, interponendosi tra il terreno e il rigido metallo delle loro strutture.

Ed ecco come si spiega il mistero dietro al dare caffè ai robot

Gli ingegneri hanno creato delle vere e proprie calzature per robot, testandole su una grande varietà di superfici e scenari differenti. Il risultato rispetto a robot che procedevano camminando su queste superfici irregolari, senza le scarpe realizzate coi fondi di caffè è stato sorprendente. Fino al 40% in più di mobilità e velocità ottenute.

Questo è possibile grazie all’adattabilità straordinaria delle sacche contenenti i fondi di caffè e alla loro capacità di tornare immediatamente alla forma originale ad ogni passo. Inoltre questa soluzione garantisce enormi vantaggi in termini di grip. Quindi i robot scivolano e inciampano molto meno frequentemente rispetto a prima. Di conseguenza la stabilità ne risente in maniera positiva generando una velocità di movimento su superfici irregolari decisamente superiore. Quindi sembra davvero efficace utilizzare i fondi di caffè nelle scarpe dei robot!

Ci auguriamo di vedere presto soluzioni di questo tipo adottate su robot adibiti al soccorso e che operano in situazioni difficili. Oltre che migliorare ad esempio l’utilizzo della robotica in agricoltura o nella ricerca dove spesso i terreni non rispecchiano proprio lo stereotipo dei tavoli da biliardo.

Scopri altri robot camminatori come Alma, Spacebok e Hyqreal.
Se invece vuoi il tuo robot camminante casalingo scopri qui quelli già acquistabili.

Consigliati per te

Lascia un Commento