Home Robot Imparare le basi del coding e le materie STEM con la robotica educativa

Imparare le basi del coding e le materie STEM con la robotica educativa

by Huro
basi del coding

Negli ultimi anni i numerosi progressi nel settore della robotica hanno attirato l’attenzione di tutti, diventando un argomento sempre più attuale, utile ed interessante.
Inizialmente la robotica veniva studiata solo come un ramo dell’ingegneria ed i corsi specializzati erano pochi. Ma viste le evoluzioni attuali e l’importanza di questa disciplina nella vita di tutti i giorni, oltre ad assistere alla creazione di nuovi corsi specialistici nelle scuole superiori e nelle università, ultimamente anche negli asili e nelle scuole primarie si sta inserendo la robotica come materia di studio, disciplina conosciuta anche come robotica educativa.

Lo scopo dell’inserimento di questa materia è di sviluppare nei bambini il pensiero computazionale e di offrire un nuovo metodo di apprendimento delle materie STEM. Quindi quando si parla di robotica educativa si intende l’apprendimento di più materie in modo innovativo e stimolante.

Sin dai primi anni di vita i più piccoli possono cimentarsi nella costruzione di piccoli robot. Non solo i bambini possono imparare le basi del coding, ma sviluppano anche altre abilità come il problem solving, la curiosità, la creatività. Grazie a questa disciplina hanno a disposizione un nuovo metodo di apprendimento utile e stimolante. Questo li aiuta anche in altre materie come la matematica, lingue, tecnologia, informatica e scienze.

Come si insegnano le basi del coding con la robotica educativa?

Le lezioni di robotica educativa si svolgono con l’aiuto dei kit che consentono ai bambini ed ai ragazzi di costruire robot semplici e complessi, kit progettati e sviluppati da numerose aziende come la LEGO, Clementoni o Makeblock. Grazie alla programmazione a blocchi attraverso pc, tablet e smartphone, i robot costruiti spesso sono formati da vari pezzi assemblabili, motori, sensori vari e nella maggior parte dei casi i kit consentono di creare diverse tipologie di robot tramite lo spostamento dei mattoncini sullo schermo del dispositivo usato, consentendo anche ai meno esperti di imparare le basi del coding.

Tra i kit più famosi troviamo Bee Bot, Dash and Dot, Lego We Do, ecc. Ognuno di questi è adatto a determinate fasce di età e offrono una difficoltà crescente nella costruzione. Aspetti che permettono ai bambini di qualsiasi età di sviluppare sempre di più il processo logico mentale in grado di risolvere i problemi.

L’interesse dei bambini verso l’apprendimento di cose nuove è ben noto. Motivo per cui questa materia multidisciplinare ha un’importanza fondamentale. I piccoli ingegneri possono sviluppare capacità pratiche ed intellettive che prima non era possibile apprendere nelle scuole primarie. Oggi sta diventando un metodo di apprendimento di varie materie sempre più utilizzato nella maggior parte degli istituti scolastici di tutto il mondo.

Oltre agli asili, scuole ed università, vari corsi di robotica educativa vengono organizzati anche dai laboratori sempre più numerosi che hanno l’obiettivo di insegnare questa disciplina. Non solo, visto l’interesse crescente verso questo settore i bambini ed i ragazzi possono partecipare anche a numerosi concorsi nazionali ed internazionali dedicati a questa materia.

Consigliati per te

Lascia un Commento