Home Guida Autonoma Auto a guida autonoma a Torino: ecco i dettagli sulle novità!

Auto a guida autonoma a Torino: ecco i dettagli sulle novità!

by Huro
Auto a guida autonoma a Torino

Le auto a guida autonoma a Torino potrebbero non essere solo fantasia!
La capitale italiana dell’automotive vuole continuare a mantenere il suo status. Per questo motivo si è candidata a diventare la prima città laboratorio per la sperimentazione delle auto a guida autonoma.

Il sindaco Appedino ha dichiarato di aver avanzato la proposta per far diventare Torino «la città laboratorio per la guida autonoma e connessa in ambito urbano». Un progetto che mira ad attirare l’attenzione di investitori importanti nell’ambito delle case automobilistiche. Questo però potrà avvenire solo se il protocollo verrà firmato da tutti i rappresentanti di Fca, General Motors e Italdesign, Tim, Open Fiber e Politecnico di Torino. Tali infatti sono i nomi e la portata che questo progetto porta avanti: tutte le aziende citate sono coinvolte nell’eventuale sperimentazione.

Se il progetto dovesse andare in porto, verrà avanzata la richiesta al Ministero dei Trasporti per avviare la sperimentazione in Italia con le auto a guida autonoma a Torino.

Quali saranno le auto a guida autonoma a Torino prossimamente?

Le sperimentazioni potranno riguardare auto con pilota automatico di livello 4 e 5.
In pratica quelle che necessitano di un intervento da parte del passeggero in caso di emergenza e quelle del tutto prive di pilota.

La rete stradale di Torino tra l’altro sarebbe perfetta per questa sperimentazione. Infatti delle spie sotto l’asfalto permettono di verificare in tempo reale il traffico. Ma anche le telecamere intelligenti agli incroci potrebbero essere di aiuto.

Insomma, queste connessioni già presenti nell’infrastruttura torinese sono certamente uno strumento fondamentale per la sperimentazione delle auto a guida autonoma, ma diventeranno anche indice di sicurezza per i test. E speriamo non si verifichino mai incidenti con le auto a guida autonoma come quello accaduto in America con un’auto Uber.

Consigliati per te

Lascia un Commento