Home Robot Api robot progettate da Walmart per l’impollinazione artificiale

Api robot progettate da Walmart per l’impollinazione artificiale

by Huro
api robot

Walmart produce centinaia di brevetti ogni anno, ma questo sembra essere più che una semplice idea. Parliamo di api robot dedicate all’impollinazione e allo sviluppo dell’agricoltura, settore che genere all’azienda moltissimi introiti.

L’idea della multinazionale della grande distribuzione è quella di sostituire i piccoli insetti ormai sull’orlo dell’estinzione con dei droni. Delle vere e proprie api robot insomma, in grado di fare lo stesso lavoro di quelle del regno animale.

Il declino delle api e di altri insetti che fertilizzano le colture è dovuto all’uso sempre più smisurato dei pesticidi. Per evitare il danno economico, l’azienda non ha ritirato l’idea di continuare ad incrementare queste sostanze. La soluzione sembra essere a portata di animali robot infatti, e così l’8 marzo 2018 Walmart ha depositato il brevetto per le api robot.

Sul documento si parla di piccoli veicoli aerei senza pilota – o droni – che sarebbero programmati per volare da una pianta all’altra raccogliendo polline per poi depositarlo su altre piante. Un secondo drone li seguirebbe per controllare che il polline sia applicato correttamente. Alcune potrebbero esse guidate da computer, altre da operatori umani.

La richiesta di brevetto, presentata presso l’ufficio brevetti degli Stati Uniti, non è però ancora stata approvata.

Api robot lontane dalla fantascienza: anche la NASA ci sta lavorando

Nonostante l’utilizzo di api robot sulla Terra potrebbe sembrare più utile, anche la NASA sta sviluppando lo stesso genere di droni, ma con uno scopo ben diverso. Le Marsbee della NASA infatti saranno in grado di esplorare nel dettaglio il pianeta rosso: Marte.

La moria di api, le impollinatrici naturali della Terra, è un gravissimo problema per l’agricoltura. Le capacità riproduttive di molte specie di frutta e verdure dipendono dalle api. L’idea di Walmart potrebbe quindi non essere così stupida.

I portavoce della multinazionale hanno solo dichiarato a USA Today: “Pensiamo continuamente a nuove idee e nuovi modi di implementare il servizio che offriamo ai nostri clienti, ma non abbiamo ulteriori informazioni da condividere su questo brevetto specifico”.

Consigliati per te

Lascia un Commento