Home Robotica, Arte e Cultura Adotta un robot: da oggi non è più fantascienza grazie a Massimo Sirelli

Adotta un robot: da oggi non è più fantascienza grazie a Massimo Sirelli

by Huro
adotta un robot

Si chiama AdottaunRobot.com ed è la prima Casa Adozioni di Robot da compagnia al mondo. Qui numerosi robot “orfani” del progresso industriale, così come del consumismo sempre più sfrenato, vengono recuperati ed assemblati dall’artista Massimo Sirelli che in seguito cerca per loro una nuova “famiglia”.

Per poter accedere al progetto Adotta un robot si deve inoltrare una richiesta di adozione in cui si deve spiegare perché si pensa di essere il genitore adeguato per il robot scelto. In seguito la Casa Adozioni contatta il “genitore adottivo selezionato” e spiega in che maniera può rientrare in possesso del robot.

Chi c’è dietro al progetto Adotta un robot?

L’idea è nata all’artista Massimo Sirelli. Ama i robot sin da quando negli anni ’80 passava le sue giornate a guardare in TV Mazinga, Transformers e Voltron. Inoltre è un appassionato di cose vecchie, cantine, garage e mercati, quest’ultimi girati in lungi ed in largo in varie zone del mondo.

Per l’artista, costruire robot rappresenta un vero e proprio atto d’amore. Infatti cerca di raccontare le storie di vita delle persone incontrate e quella degli amici che ha intorno: d’altronde i robot hanno nomi “umani”.
Nato a Catanzaro nel 1981, Massimo trova il suo primo approccio verso le arti visive nella street art e nei graffiti. Dal 2006 è Art Director e fondatore dello studio creativo Diomedia, laboratorio di ricerca e sperimentazione su multimedia design e grafica. I lavori dell’artista vengono pubblicati su importanti libri di graphic design internazionali: Tres Logos, Los Logos Comapss, Design Book of the Year, etc.

Non solo, dal 2008 Massimo Sirelli è anche Docente di Tecniche di presentazione e Portfolio presso L’Istituto Europeo di Design di Torino nei dipartimenti di Interior Design, Product Design, Design del Gioiello e dell’Accessorio, Fashion e Textile Design, Car Design e Transportation Design.

Consigliati per te

Lascia un Commento